Perché i social non funzionano per promuovere l’azienda? Ecco 5 motivi da affrontare subito!

Condividi il contenuto

Una delle domande storiche e che dobbiamo affrontare nelle nostre consulenze, durante gli impegni quotidiani con i clienti. Perché i social non funzionano? I piccoli imprenditori e i proprietari di aziende locali vogliono superare crisi del settore, assenza di clienti, concorrenze di grandi brand. E provano la strada dei social.

Risultato? Niente, i contatti non arrivano. Sembra che ogni azione su Facebook, Instagram o LinkedIn si perda nel vuoto. Eppure tutti usano i social network, le speranze sono sempre tante quando si sentono proclami e annunci che promettono clienti, vendite, affari da non perdere. Non è del tutto sbagliato, è chiaro.

Con i social network per aziende si lavora bene. E si possono ottenere dei risultati. Ma perché i social non funzionano? Forse il tuo caso rientra in questi 5 motivi che hanno fatto scuola. E che possono aiutare la tua strategia di web marketing.

Hai mancato il tuo target di riferimento

Ad esempio non hai fatto una giusta riflessione sul target e stai cercando di raggiungere un pubblico generico, con uno sforzo immane. Perché produci contenuti che non hanno una finalità, vorrebbero raggiungere tutti ma non riescono a emergere. La strategia vincente è un’altra: focalizzarsi solo su una parte dell’audience.

Conoscere il Web Marketing

There's no such thing as a niche that's too small if the people care enough.

Seth Godin - seths.blog

Nel momento in cui hai individuato il punto di forza della tua azienda, l’elemento che caratterizza il valore che nessuno può toglierti o copiare, focalizzati su un determinato tipo di clientela. E inizia a comunicare con quelle persone, usando contenuti pensati per questo scopo. Con un tone of voice adeguato.

Per questo è necessario fare un’analisi delle buyer personas, idealtipi di possibili acquirenti con caratteristiche specifiche da conoscere e necessità da soddisfare.

Produci solo contenuti promozionali

Arrivi sui social, apri le tue pagine ufficiali e inizi a scrivere dei post sperando di trovare nuovi clienti. Quindi usi questi strumenti di condivisione per fare una promozione diretta e sfacciata. Potrebbe essere questo l’errore, hai mancato il senso della tua presenza sui social network. Non sei qui per strillare e sbattere i piedi a terra ma per creare una comunicazione. E per diventare un punto di riferimento.

Ovviamente per quella famosa nicchia che abbiamo citato nei paragrafi precedenti. Per fare questo dovresti seguire la golden ratio dei social media, vale a dire la proporzione ideale che ti consente di creare un calendario editoriale social degno di questo nome. Quali sono i valori da tener presente in questi casi? Molto semplice.

Perché i social non funzionano

Perché i social non funzionano?

Come suggerisce il grafico di Buffer puoi ottenere buoni risultati condividendo contenuti basati su fonti esterne per un buon 60%. Poi continui con post che ti riguardano (gli articoli del blog, post relativi alla vita in ufficio, storytelling personale) e infine tutto ciò che riguarda la promozione. Questa è una buona combinazione.

Punti su un social che non ti interessa?

Creare una pagina Facebook aziendale può essere una buona idea? Certo, è una soluzione valida un po’ per tutti. Allora posso lavorare anche con Pinterest e Instagram? Dipende, come te la cavi con i contenuti visual? E poi c’è il tuo target.

Può essere considerato un assiduo frequentatore di queste realtà? Lo stesso vale per soluzioni più avanzate come TikTok o Snapchat: tutti vogliono cavalcare la novità.

Ma ha senso esserci se non hai un brand adeguato al contesto? Forse stai investendo su piattaforme che le persone interessate al prodotto o servizio neanche conoscono. Ed è questo che devi valutare con la massima attenzione possibile.

Lavori su contenuti inadeguati e superati

Ad esempio ignori che sui social devi puntare sui video che hanno un buon grado di coinvolgimento sul pubblico. Il ragionamento è semplice: le piattaforme social guadagnano nel momento in cui le persone rimangono sul proprio profilo o guardano contenuti altrui. Se vanno via ed escono per rivolgere l’attenzione altrove perdono.

Perché i social non funzionano

I video funzionano bene su Facebook – Fonte immagine

Quindi i video funzionano come contenuti che attirano, fanno da intrattenimento. Per questo riescono ad attirare commenti, condivisioni e altri segnali positivi di engagement. I link, invece, se non ricevono una spinta con l’advertising, rischiano di rimanere fermi. Immobili. Qual è il mio consiglio in questo caso?

È sempre quello di provare e testare nuove soluzioni. Non esiste una ricetta valida sempre. Ma quando scopri cosa piace alle persone che vuoi raggiungere segui il filone e non lo mollare. Anzi, continua a sperimentare ma sempre in quei binari.

Non stai promuovendo con l’advertising

Si inizia a fare una buona attività di content marketing sui social, scegliendo link interessanti e facendo anche una buona attività di narrazione del brand. Vale a dire storytelling, ecco.  Ma i risultati non arrivano. Motivo? Beh, basta guardare il grafico per capire quanto sia difficile su Facebook avere visibilità organica.

Vale a dire quella che arriva senza la sponsorizzazione dei contenuti. Purtroppo il mondo del social media marketing non funziona senza budget. Anche se hai ottimi contenuti e idee brillanti la visibilità è un bene prezioso che i vari social network fanno pagare a chi fa business. Perché dovresti poter vendere senza investire?

Da leggere: come promuovere la tua attività online

Perché i social non funzionano con me?

In due parole semplici e spietate: strategia inefficace. Se non hai una base solida che prenda in considerazione il target, gli obiettivi, le strategie di content marketing efficaci per un determinato contesto rischi solo di perdere tempo.

Ma è questo il punto da evitare: ignorare che alla base di tutto questo non può esserci approssimazione ma un’attività di web marketing ponderata. Vogliamo studiarla insieme per cercare la soluzione adatta al tuo business?

Condividi il contenuto


Riccardo Esposito

Ciao! Sono un blogger e un webwriter freelance. Scrivo articoli dedicati al mondo della scrittura online, faccio formazione ad aziende e liberi professionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.