,

Quando e perché rifare il sito web

Il restyling del sito web può diventare un’ottima occasione per ripensare il tuo modo di fare web marketing. Non è difficile, sicuramente puoi avere dei dettagli da aggiungere alle tue pagine web e dei miglioramenti da attuare. Sono certo di questo, il tuo sito web ha bisogno di una ristrutturazione.

Ma non sai regolarti. D’altro canto non è il tuo compito, sei un imprenditore e il tuo lavoro è quello che conosci bene: gestire un’impresa per ottenere degli utili. In questo equilibrio il sito web aziendale gioca un ruolo decisivo e ti rendi conto che c’è bisogno di innovare, di fare qualcosa in più. Ma cosa?

Per prendere queste decisioni è giusto rivolgersi a un’agenzia o a un libero professionista in grado di operare nel miglior modo possibile. Ovvero presentando un restyling del sito con tutte le operazioni e i passaggi necessari per portare il tuo progetto verso l’efficienza. Le domande di base che si pone un imprenditore restano: quando e perché pensare alla ristrutturazione del sito web?

Rinnovare sito web per obsolescenza

Il restyling di un portale o di un e-commerce – in sostanza di qualsiasi progetto web – può avvenire per motivi differenti. Molti si ritrovano sotto l’ombrello delle motivazioni tecniche. Detto in altre parole, il sito web deve essere rifatto perché la tecnologia usata in passato è stata superata. Il web è in continuo movimento e ogni settimana, per non dire ogni giorno, ci sono novità da inseguire e studiare.

Compito delle web agency e dei professionisti del settore interpretare questi cambiamenti. Non tutti comportano un restyling del sito web, e molti miglioramenti possono essere apportati con una semplice manutenzione periodica. Ad esempio, con il passare dei mesi avere un sito web veloce è diventato un punto imprescindibile. Per avere questo risultato bisogna rifare il sito?

No, si può intervenire su quello online. Il problema si presenta quando si accumulano diversi interventi tecnici da effettuare e un superamento delle principali tendenze estetiche.

Se da un lato la tecnica si evolve con un ritmo importante, anche la grafica del sito rischia di cadere in breve tempo nel dimenticatoio. Puoi ammortizzare questo effetto scegliendo un design moderno ma non eccessivo, in questo modo puoi evitare di cadere nella trappola delle mode usa e getta. Però un sito web superato dal punto di vista estetico e con notevoli problemi tecnici è in lista per un restyling.

Da leggere: le caratteristiche del sito web aziendale

C’è stato qualche errore in passato

Un buon motivo per pensare al restyling del sito web con rifacimento completo delle pagine: ti sei fidato di qualcuno che ti ha consigliato male. Succede, è un’ipotesi. Magari la responsabilità è anche tua perché non avevi le competenze necessarie. O hai incontrato la persona sbagliata che non ti ha dato il supporto giusto. Questo è avvenuto per colpa o per dolo, non è questo il punto in discussione.

Ciò che mi interessa in questa fase è che a volte il modo migliore per aggiustare un problema online è ricominciare da quasi zero. Quindi, non con un sito web nuovo ma con una ristrutturazione completa, e che tenga conto del buono che è stato fatto ma anche e soprattutto degli errori.

Uno degli errori tipici di chi inizia a lavorare in questo settore: creare un blog o un sito web gratis. Un prodotto professionale non può essere a costo zero perché dovrebbero esserci dei professionisti a curare i testi, il codice, l’ottimizzazione del portale. Soprattutto, inizia a ragionare in ottica di investimento: se vuoi guadagnare con il web e ottenere buoni risultati devi investire. Non si tratta di spendere ma di portare le risorse lì dove possono fruttare e far nascere nuove occasioni con i tuoi clienti.

Ristrutturare il sito per motivi estetici

Il sito web funziona, non ha particolari problemi. Ci sono stati degli aggiornamenti per fare in modo che tutto sia in ordine come nel caso dell’HTTPS. In fin dei conti il sito web funziona e svolge il suo lavoro egregiamente ma vuoi cambiare grafica, hai deciso di modificare il tuo modo di comunicare.

restyling del sito web

Il sito web più brutto del mondo è voluto così – Fonte immagine

Se hai creato il tuo sito web con WordPress il lavoro è piuttosto semplice, almeno rispetto ai portali in HTML scritto a mano. La presenza di un CMS, un programma per la gestione dei contenuti, ti consente di cambiare estetica scegliendo un tema differente che prenderà il posto del precedente.

Questo passaggio può sembrare immediato e indolore (in realtà l’operazione in sé è semplice) ma non bisogna sminuire questo step. Anche il cambio di tema WordPress, se fatto bene, comporta una serie di operazioni delicate che devono essere gestite nel miglior modo possibile. Ecco alcuni punti:

  • Il tema ha le caratteristiche tecniche adatte?
  • L’autore del template è affidabile?
  • I contenuti si adattano al passaggio di tema?
  • Ci sono pagine da aggiungere o eliminare?

Come puoi ben capire anche la ristrutturazione estetica di un sito web deve essere curata con grande attenzione. Altrimenti il rischio è quello di trovarsi di fronte al caso paventato prima: creare dei problemi che poi devono essere risolti con un lavoro di restyling pesante. Anche se il sito web è esteticamente piacevole, infatti, ci possono essere dei grattacapi in agguato.

C’è stato un cambio importante

Il rinnovo grafico, tecnico e dei contenuti riguarda un punto sostanziale: le cose sono cambiate, l’azienda ha voltato pagina e anche se il portale è perfettamente funzionante c’è bisogno di un restyling. Perché, ad esempio, hai deciso di aprire un ecommerce o vuoi passare dal sito web statico a una realtà di blogging. O magari di magazine online inquadrata come testata giornalistica.

Un altro esempio: hai deciso di rinfrescare il brand e hai cambiato colori aziendali. Il sito web rimane uguale? No, devi cambiare le combinazioni cromatiche che però contrastano con le linee del vecchio template. Alla fine la soluzione migliore è quella preventivata: devi chiedere un preventivo per rinnovo del sito web, aggiungendo pagine e togliendo ciò che non serve all’economia del progetto online.

Da leggere: aprire un blog e scrivere, guida per iniziare

Hai deciso per il restyling del sito web?

Mi sembra una buona idea. Come puoi ben capire non ci sono tempi precisi per iniziare un restyling del sito web. Potresti averne bisogno dopo un paio di anni, anche se un lavoro ben fatto e con una manutenzione costante può darti una stabilità nel tempo. Questo vantaggio è difficile da replicare?

Sì se alla base c’è il lavoro approssimativo di chi non si aggiorna e non approfondisce le ultime tendenze del web marketing. Tutto ciò è indispensabile per creare un buon progetto di restyling del sito web, sei d’accordo? Tu come hai deciso di muoverti? Lascia la tua opinione nei commenti.

Vuoi trovare nuovi clienti vicino alla tua attività? Studiamo insieme una strategia di web marketing local!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.