Aziende e social network: un binomio perfetto

Vuoi comunicare la passione per il tuo lavoro, con determinazione e coerenza, per conquistare nuovi clienti? Sai bene che le persone utilizzano i canali social per creare e consolidare relazioni, ma anche per informarsi.

Unire aziende e social network è possibile? Sì, in questo post ti spiego i vantaggi del loro utilizzo e come inserirli, con successo, nella comunicazione della tua impresa.

Aziende e social network

La scelta di aprire un profilo social aziendale può essere dettata da vari fattori. Ad esempio, dal desiderio di stare al passo con i tempi. Oppure, per rispondere al fatto che ormai “lo fanno tutti” o per ottenere visibilità.

Non tutti gli imprenditori lo fanno inserendo questa scelta in un piano di comunicazione integrato. Pochi scelgono di affidarsi ad agenzie e preferiscono il fai da te. Molti iniziano questa strada e si perdono alla prima difficoltà, abbandonando pagine non aggiornate, senza storie da raccontare.

Un vero peccato. Un’occasione sprecata. Un autogol che puoi e devi evitare. Ora ti spiego come.

La consapevolezza di una scelta

È importante rispondere a una domanda: cosa comporta, per la mia impresa, essere presente sui social? Sul serio, perché dovrei compiere un passo così importante? Ho ben chiare le conseguenze? Sono preparato a gestire e a coordinare le attività che la presenza sui social network comporta? Ho le risorse e le competenze necessarie? Ho definito una social media policy?

I vantaggi della presenza sui social sono innegabili e partirei da questi:

  • L’azienda ha bisogno di comunicare il proprio valore.
  • Le persone, oggi, utilizzano i social come canale d’informazione.
  • La presenza sui social consente di monitorare la propria reputazione e il contesto (i tuoi concorrenti).
  • Stimola la condivisione interna e la consapevolezza degli obiettivi aziendali.

Gli aspetti negativi sono:

  • L’esposizione a commenti critici e gestiti male.
  • Il rischio di non riuscire a mantenere aggiornati i profili.
  • La pubblicazione di contenuti non coerenti e dannosi.
  • La perdita dell’immagine aziendale.

Approdare sui social richiede la conoscenza di tutti gli aspetti, positivi e negativi, e la pianificazione di un progetto di comunicazione. Solo con l’analisi e la conoscenza dei propri limiti sarà possibile evitare fallimenti.

Web marketing Tip – Anche se non vuoi usare i social, tutti gli altri li utilizzano. Nel tuo piano di web marketing non può mancare un’analisi della concorrenza. Come si comportano in rete i tuoi competitor? Hanno un sito? Hanno i profili social? Cosa scrivono e come sono le recensioni? L’analisi riguarda anche la tua impresa: cosa dicono di te? 

Aziende e social: parti con il piede giusto

La scelta di aprire un profilo social non può essere frutto di improvvisazione. “Apriamo la pagina su Facebook o LinkedIn? Perché non proviamo Twitter? Cos’è Pinterest? Mi hanno detto che Instagram è il massimo.”

No. Questo non è l’approccio giusto. Partiamo dall’analisi. Quali sono le tue buyer personas? In base alle risposte che sarai in grado di dare, sceglierai i canali social per promuovere la tua attività. E per ognuno dovrai impostare un piano editoriale specifico.

Ci sono altre attività che devi spuntare. Ecco una breve check-list che le mette in evidenza.

  • Ho scelto quali canali social attivare in base alle mie buyer personas?
  • Ho definito un piano editoriale?
  • Ho creato il mio team di lavoro?
  • Ho valutato le competenze del mio team in base ai canali social che voglio utilizzare?
  • Ho considerato il volume dell’investimento (formazione, advertising)?
  • Ho creato le pagine aziendali rispettando le regole, con una grafica coerente alla mia identità?
  • Ho inserito tutti i dati di contatto?
  • Ho definito una Social Media Policy (esterna e interna)?
  • Ho preparato una comunicazione da mandare via email a tutti i miei clienti e collaboratori, informandoli dell’esistenza dei nuovi profili social?

Questo elenco non è esaustivo di tutto quello che dovrebbe essere fatto in relazione alla presenza sui social. Potrei aggiungere come punto fondamentale la sensibilizzazione dei tuoi collaboratori interni. Ma te ne parlo nel prossimo paragrafo.

Essere social, prima di tutto in azienda

La presenza sui social network richiede la condivisione interna. È un punto fondamentale da cui partire. La condivisione dei post dell’azienda contribuisce ad aumentarne il valore. Ma questo non può avvenire se non informi i tuoi collaboratori.

La partecipazione è frutto della consapevolezza e della condivisione degli obiettivi. La segnalazione di errori o di omissioni è un servizio prezioso per il team che gestisce i social. Mette al riparo da errori imperdonabili. Così come fornire suggerimenti su argomenti da sviluppare.

Come fare per ottenere questo prezioso aiuto? Ecco alcune azioni indispensabili per ottenere il giusto coinvolgimento..

  • Esegui un censimento dei profili di tutti i tuoi collaboratori.
  • Migliora l’efficacia dei singoli profili social.
  • Collega gli account LinkedIn alla pagina aziendale.
  • Fornisci di un piccolo manuale di utilizzo dei social (procedure di condivisione e commenti).
  • Inserisci i profili social e le pagine aziendali sulle firme email.
  • Coinvolgi il personale nella preparazione dei post, chiedendo suggerimenti e idee da sviluppare.
Team building – Prepara una presentazione in Powerpoint o in Prezi dove spieghi i motivi che ti hanno spinto a utilizzare i social network, le azioni che saranno intraprese, gli obiettivi di comunicazione che intendi raggiungere. Spiega le motivazioni che stanno alla base della Social Media Policy, sia interna che esterna.

[Infografica] La crescita dei social network nel mondo

I social network continuano a crescere. Uomini e donne di ogni età li utilizzano quotidianamente per creare e mantenere relazioni. Ma anche per cercare informazioni su aziende, prodotti e servizi. Non posso ignorare questo punto.

Nell’infografica che ti propongo vengono forniti i dati sui canali social più utilizzati nel 2016 e alcuni numeri demografici relativi agli utenti. Sono numeri molto utili per impostare le campagne di social media marketing.

La crescita dei social network. Le aziende devono tenerne conto

L’infografica è stata pubblicata per la prima volta su: www.searchenginejournal.com/growth-social-media-v-3-0-infographic.

Aziende e social network. La tua opinione

Quando decidi di comunicare sul web e promuovere la tua impresa sui social network non puoi tornare indietro. È una scelta meditata che comporta un impegno costante in termini di tempo e risorse. È in gioco la tua credibilità. Per cui è meglio andarci con i piedi di piombo.

Ti ho descritto i vantaggi e i rischi della tua presenza sui canali social. Il perché questi strumenti devono far parte della tua strategia di web marketing. Puoi utilizzare i tuoi profili per controllare cosa fa la concorrenza, per condividere notizie che ti interessano, per creare relazioni.

Mi interessa molto la tua opinione. Secondo te, ci sono altri modi di usare i social network? Li utilizzeresti per la tua impresa? Quali sono gli aspetti dei social che non ti convincono?

Lasciami la tua opinione nei commenti.

Share

Diego Ricci

Innamorato di Internet, dal '97 mi occupo di servizi web per piccole e micro imprese. Ascolto e analizzo le esigenze dei Clienti e propongo soluzioni. Amo la buona compagnia, lo stare insieme e le cose semplici come una birra al pub.

Comments

  1. Sicuramente non si può improvvisare, né buttarcisi a capofitto soltanto perché “ormai sui social ci sono tutti”.

    Detto questo, penso che la pianificazione non debba soffocare del tutto la spontaneità: spesso sono proprio i contenuti meno “promozionali” a raccogliere più consensi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi articolo precedente:
Come scrivere un buon contenuto
Pianificare prima di scrivere: come preparare un buon contenuto

Questo è un aspetto importante della buona scrittura online. Hai deciso di aprire un blog aziendale, hai acquistato un hosting e...

Chiudi