I migliori software per organizzare un webinar (e puntare sul content marketing)

Spesso l’esigenza di chi si occupa di web marketing punta verso il webinar, un contenuto che mette in risalto l’individuo, la sua voce e la sua figura. Ma, soprattutto, le sue competenze. Ecco perché diventa centrale questo argomento: quali sono i migliori software per webinar di successo?

Sì, per avere successo in questo ramo della comunicazione online hai bisogno di programmi, app e soluzioni per creare il tuo contenuto. Perché di questo si tratta: il webinar è un’attività di content marketing che decidi di distribuire in modi differenti. Ad esempio può essere un dono per i clienti.

Puoi fare in modo che i lettori del blog si registrino e ottengano il contenuto perché sono iscritti alla newsletter. Oppure puoi vendere la tua opera e chiedere un contributo per essere presente durante la tua esposizione. In ogni caso, a prescindere dalla strategia che hai deciso di mettere in campo, hai bisogno di software per webinar se vuoi ottenere riscontro. Quali sono? Qui trovi la mia lista.

Cos’è un webinar: definizione e scopi

Prima di definire le migliori app per creare un webinar di successo è giusto dare una definizione del contenuto in questione. Il webinar (web + seminar) è un appuntamento in diretta, organizzato online con strumenti adeguati, in cui un relatore dà una serie di nozioni legare al proprio campo.

Cos'è un webinar

I webinar sono un sistema interattivo dove i partecipanti possono interagire tra loro e con il coordinatore (auditore) del seminario tramite gli strumenti disponibili dai sistemi di videoconferenza.

Wikipedia - wikipedia.org

La forza del webinar è la sua capacità organizzativa. Con un prezzo ridotto puoi proporre una serie di appuntamenti live che ti consentono di rimanere in contatto con il pubblico. Lavorare sul blogging è utile per diversi motivi, in primo luogo per posizionarti su Google e per mantenere alta l’attenzione del pubblico. Lo stesso vale per i social e per l’email marketing.

Se vuoi fare il vero passo avanti, però, devi presentare la tua figura, la tua essenza, la tua voce. La presenza fisica è ancora oggi simbolo di autorevolezza, anche se per esprimerla devi usare gli strumenti del web. Non sempre è possibile organizzare eventi live e per raggiungere tutti puoi usare il webinar. A patto che venga organizzato con gli strumenti giusti. Quali sono? Ecco la mia ricetta.

Da leggere: come scrivere un’email di lavoro

Il software per organizzare il webinar

In realtà per organizzare un webinar non hai bisogno di tante soluzioni in termini di software. O meglio, oggi i programmi per lavorare in questo settore riescono a sintetizzare diversi strumenti in un’unica suite. Che nella maggior parte dei casi soddisfano tutte le esigenze. Quali sono i nomi più importanti? Ecco le alternative che conosco e che ho usato per organizzare webinar.

Gotomeeting

Servizio per teleconferenze e webinar professionali. Qui trovi tutto, compresa la chat per interagire con il pubblico e tutte le funzioni per condividere lo schermo, registrare il video che puoi riutilizzare e gestire i partecipanti. Per molti questa è la migliore realtà per ospitare un webinar di successo.

Clicktomeeting

Sembra particolarmente interessante per le opzioni offerte rispetto alla preparazione e alla sponsorizzazione del webinar, un aspetto non secondario quando vuoi farti conoscere.

Anymeeting

Un altro software per webinar professionale e con tutte le caratteristiche per sfruttare le possibilità offerte da una buona esposizione. Puoi condividere PDF e presentazioni, e hai sempre la chat live a disposizione. Ci sono diverse soluzioni economiche, con contratto annuale o mensile.

So cosa stai pensando: questi programmi per organizzare webinar sono a pagamento e costano tanto. Vero, hanno un prezzo elevato ma sono il massimo e quando vuoi lavorare bene non puoi esimerti. Non si tratta di spendere ma di investire, questo un imprenditore lo capisce.

Risorse gratis per fare un webinar online

C’è un aspetto da considerare: nella maggior parte dei casi puoi sfruttare delle iscrizioni mensili. Quindi puoi pianificare – per esempio – un mese all’anno di webinar e contenere di molto le spese. Poi ci sono dei software gratuiti per creare qualcosa di simile a un webinar. Ecco qualche nome:

  • Zoom.us
  • Bigbluebutton.org
  • Hangout di Google
  • XSplit

Quest’ultima piattaforma, ad esempio, è perfetta per registrare video e scontornare l’immagine per poi proiettarla sullo sfondo che preferisci. Come, ad esempio, le slide o il browser.

Hai notato Hangout di Google? Mi sembra chiaro, non è una vera e propria suite per fare webinar ma può essere usata per creare presentazioni a basso costo. E con una buona attività social perché puoi condividere il tutto e registrare per poi pubblicare su YouTube. Altra alternativa: le dirette Facebook. In ogni caso rimaniamo lontani dai vari strumenti elencati fino a questo momento.

Per ottenere il miglior risultato possibile devi lavorare sull’hardware. Ecco perché non puoi prescindere da questi elementi quando decidi di andare online con un webinar: un microfono di qualità, una videocamera o una webcam degna di questo nome, delle softbox per ottimizzare le luci e uno sfondo adeguato. Per l’audio suggerisco il Samson Meteor da scrivania o il microfono a clip Olympus ME-15, mentre per il video puoi usare una reflex o una Logitech C920 Webcam Full HD.

Tool per creare la presentazione di sfondo

Nella maggior parte dei casi (non sempre) i webinar hanno come sfondo una presentazione per ottenere una serie di vantaggi. In primo luogo può mostrare al pubblico grafici, nozioni e concetti chiave della presentazione. Poi c’è l’effetto legato all’attenzione.

Questo non è un punto secondario: con una serie di immagini e combinazioni cromatiche puoi rendere tutto più piacevole. Inoltre le slide rappresentano un filo conduttore per chi deve fare la presentazione. Ecco perché ci sono un paio di tool che devi sfruttare per ottimizzare il visual.

  • Canva – Perfetto per creare grafiche con temi personalizzati.
  • Prezi – Una nuova esperienza interattiva per la tua presentazione.
  • HaikuDeck – Crea le tue slide online con una semplicità unica.
  • Ludus – Un tool per creare presentazioni online.
  • Unsplash – Tutte le foto gratis che ti servono.

A questi strumenti si aggiungono i vari PowerPoint e Keynote. In più aggiungo Slideshare, perfetto per caricare la tua presentazione e renderla consultabile. Pensa sempre a questo punto: come posso sfruttare il mio contenuto per rendere tutto riutilizzabile e adatto al lavoro di content marketing? Le slide potrebbero essere embeddate in un articolo di sintesi che pubblichi sul tuo blog dopo il webinar. E Slideshare può essere la soluzione adatta se hai il permesso di mettere questi contenuti online.

Quante parole hai inserito in ogni slide? Ricorda le parole di Seth Godin: “No more than six words on a slide. EVER. There is no presentation so complex that this rule needs to be broken”. Chiaro, questo è un estremo. Ma pensaci: perché annoiare le persone con centinaia di parole inutili?

Estrarre e modificare audio del webinar

Hai registrato il webinar e vuoi trasformare l’audio in un podcast? Immagino che tu abbia già registrato il video della presentazione. Ora devi estrarre la voce per riproporla su un’altra piattaforma. In questo caso l’idea è quella di avere più formati possibili per migliorare la tua attività di content marketing: da un webinar possono nascere diverse soluzioni. Ecco cosa devi segnare:

  • Online-audio-converter.com – Per estrarre l’audio dal video.
  • Audiotrimmer – Un semplice editor online per tagliare audio.
  • Audacity – Uno dei migliori tool audio a costo zero.
  • Adobe Audition – Per lavori professionali su voce e musica.

Per realizzare il podcast puoi usare diverse piattaforme che ospitano il file audio. Una delle migliori è Soundcloud che offre una base stabile per i tuoi file. In alternativa c’è Spreaker che si configura come realtà dedicata. Non dimenticare, infine, di sottoporre i file audio su iTunes per rendere disponibili gli episodi a chi usa dispositivi Apple.

Per approfondire: i migliori software per newsletter

Software per webinar: la tua esperienza

Questi sono i migliori software per webinar, secondo me. Non ho citato tutte le piattaforme perché ci vorrebbe un intero libro dedicato a questo settore: il web è pieno di tool dedicati a questo campo. Ma per questo esistono i commenti del blog, per aiutare e completare l’articolo con la propria esperienza. Lascia i tuoi consigli qui, così mi aiuti a rendere questa lista ancora più utile per chi vuole organizzare un webinar di successo.

 
Share

Riccardo Esposito

Ciao! Sono un blogger e un webwriter freelance. Scrivo articoli dedicati al mondo della scrittura online, faccio formazione ad aziende e liberi professionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

software-per-webinar-app-e-strumenti-per-un-webinar-di-successo
Leggi articolo precedente:
Aprire un blog
Aprire un blog e scrivere: guida per iniziare [Infografica]

Continuiamo il percorso per chi vuole iniziare a lavorare nel modo giusto. Nell'ultimo post l'attenzione era per l'universo dei social...

Chiudi