Creare una pagina Facebook (di successo) per la tua azienda

Vuoi creare una pagina Facebook aziendale? Mi sembra un buon punto di partenza, un obiettivo per la tua realtà imprenditoriale. Questo social network, infatti, consente di raggiungere un bacino di utenti rappresentativo, puoi trovare tutti su Facebook. E puoi contare su una piattaforma efficace.

pagina facebook aziendale

Photo credit: Cel Lisboa

Questo è uno dei grandi vantaggi del social network per eccellenza: hai a disposizione una base strutturata, una realtà perfetta per le inserzioni pubblicitarie. Ma soprattutto per interagire con le persone che vogliono parlare con le aziende, con i brand. Oggi questo è il punto di partenza: il customer care service passa dai social, le vendite si chiudono nelle chat. Ecco perché creare una pagina Facebook aziendale è una priorità.

In particolar modo è una delle attività legate al social media marketing più efficaci. Però devi seguire le regole, devi muoverti nel modo giusto. Non puoi improvvisare o pensare di poter lanciare il tuo nome su Facebook in attesa dei risultati. Non arrivano per miracolo. Allora, come si crea una pagina aziendale su Facebook? Prima devo chiarire qualche dubbio.

Meglio un profilo o una pagina Facebook?

Questo è il primo passaggio: è meglio un profilo aziendale Facebook o una pagina? Risposta netta, senza indugi: pagina. Il profilo è dedicato alle persone fisiche, quelle con un nome e un cognome. Per le aziende ci sono le pagine, uno strumento pensato per chi ha obiettivi specifici e ha bisogno di statistiche, pubblicità, riscontri precisi.

Per una questione di policy aziendale, è vietato aprire profili aziendali. Esistono le pagine per questo, i profili sono dedicati alle persone. Questo perché Facebook si alimenta grazie alle pubblicità ed esige che le aziende lavorino sulle pagine. Che hanno gli strumenti necessari per fare advertising.

Molti ribattono sostenendo che il profilo ha molta più visibilità di una pagina Facebook aziendale. Perché le relazioni che si creano in questo ambiente sono considerate reali, le persone si fidano di meno di una pagina. O magari Facebook vuole costringere le aziende a investire per vendere. In ogni caso queste sono le regole del gioco: chi non le segue rischia.

Mark Zuckerberg può decidere il destino di un profilo aziendale all’improvviso, senza appello. Meglio evitare sorprese e seguire le indicazioni. Ecco tutto quello che devi sapere.

Da leggere: come scrivere su un blog aziendale

Creare una pagina Facebook aziendale: quanto si paga?

Niente. Per fare una pagina Facebook aziendale non devi pagare, il servizio è gratuito. Il social network mette a disposizione gli strumenti per forgiare la tua realtà e pubblicare i contenuti che preferisci. Questo però non vuol dire che non sia necessario un investimento. Intorno a una pagina Facebook aziendale ci sono diverse spese da prendere in considerazione.

La prima riguarda l’attivazione. Se non hai le competenze necessarie per inaugurare una pagina Facebook devi pagare qualcuno che sia in grado di farlo. Iniziare con il piede giusto è indispensabile, ecco perché devi evitare improvvisazioni e tentativi: lascia lavorare persone competenti. Anche perché la pagina Facebook aziendale deve essere creata e ottimizzata. Quindi devi curare una serie di elementi per presentare al pubblico il canale.

Poi c’è la gestione di un calendario editoriale, il lavoro del community manager e del social media strategist: tutto questo ha un costo se vuoi i risultati. Infine ci sono gli oneri della pubblicità che riguardano il budget e il compenso di chi crea la sponsorizzazione. Spesso è il social media manager che se ne occupa, ma a volte possono esserci delle figure specializzate da interpellare.

La pubblicità su Facebook è efficace, ma deve essere gestita da un professionista. Altrimenti rischi muoverti nel nulla. Il concetto è questo: Facebook per aziende è a pagamento? No, ma devi investire. Quanto costa un pagina Facebook aziendale? Niente se vuoi solo usufruire del servizio. Se invece vuoi ottenere un buon successo devi guardare oltre.

Come creare una pagina Facebook di successo

Per creare una pagina Facebook aziendale devi iscriverti con un profilo personale e poi andare su facebook.com/pages/create. Questo è il punto di partenza per iniziare la tua avventura con uno strumento pensato per ottenere il massimo. Poi c’è uno dei passaggi essenziali per il futuro della tua attività online: devi scegliere il tipo di pagina in base all’attività svolta.

Come creare una pagina Facebook aziendale

Scegli la tua pagina Facebook.

Come puoi vedere dallo screenshot c’è una buona varietà, puoi creare una Fan Page per la tua azienda rimanendo fedele al tipo di business che proponi. Ogni soluzione ha bisogno di determinate informazioni ed è indispensabile compilare i campi per impostare la tua nuova realtà. Pochi click e sei online. A questo punto devi seguire una serie di operazioni per ottimizzare la pagina:

Quest’ultimo passaggio è suggerito quando devi gestire un pubblico turbolento e vuoi evitare che determinati commenti vengano pubblicati prima della moderazione. Ora sei pronto per lanciare i contenuti. Ma basta questo per una pagina Facebook professionale e di successo?

Da leggere: come generare password sicure

Devi puntare sui contenuti necessari

Il vero passaggio per puntare su una pagina Facebook efficace per la tua azienda: la creazione dei contenuti. Anzi, di un calendario editoriale per gestire le varie pubblicazioni.

Il grande errore che molte aziende fanno è semplice: creano la pagina e iniziano a condividere link commerciali, autoreferenziali. Senza prendere in considerazione le esigenze del pubblico. Un pubblico che non ha alcuna intenzione di leggere slogan pubblicitari.

Come definire un buon calendario editoriale per la tua pagina Facebook aziendale? Io in questi casi seguo la regola 30/60/10, la Golden Ratio del social media marketing. Di cosa si tratta?

Pagina Facebook per aziende

Pagina Facebook: ecco la Golden Ratio – Fonte immagine

La Golden Ratio è una proporzione ideale per gestire i social. Hai un 30% di contenuti dedicati a quello che fai (link del tuo blog, foto dei tuoi eventi, video della tua realtà), poi un 60% di attività legata al concetto di content curation. Quindi risorse che trovi altrove e che potrebbero essere utili a chi segue la pagina. Infine c’è un 10% di attività promozionale che spinge il pubblico a fare qualcosa.

Investire tante risorse nei contenuti trovati altrove è indispensabile per una relazione virtuosa con le persone che citi (devi usare la menzione per notificare la pubblicazione) e per evitare uno dei problemi comuni: la già indicata autocelebrazione. Questo è uno degli aspetti da evitare se vuoi creare una pagina Facebook di successo per la tua realtà aziendale.

Pagina Facebook per aziende: è veramente utile?

La domanda non ha una risposta certa, tutto deve essere valutato. Impossibile dare un riferimento unico per ogni occasione. Però un passaggio è chiaro: Facebook è l’inizio per gran parte delle aziende. Anche quelle piccole, locali, senza grandi budget da investire nel web marketing. La capacità delle pagine Facebook di lanciare annunci pubblicitari definiti con precisione certosina è proverbiale.

Questo rende le pagine Facebook utili per le realtà che si muovono nei piccoli centri, nelle realtà locali. A prescindere dal tipo di business? Tutto deve essere valutato a monte, questo è chiaro, però su Facebook hai una rappresentazione puntuale del pubblico. E con una buona conoscenza dello strumento advertising puoi individuare la tua nicchia.

Creare una pagina Facebook aziendale: la tua esperienza

Questi sono i passaggi essenziali per creare una pagina Facebook aziendale, per dare al tuo mondo una presenza sul social network più famoso del web. Adesso passo la parola a te, alla tua esperienza personale: secondo te è indispensabile esserci su Facebook? Devi avere per forza una presenza nella mischia? La mia opinione è pubblica, l’ho messa nero su bianco. Ora aspetto il tuo punto di vista.

Share

Riccardo Esposito

Ciao! Sono un blogger e un webwriter freelance. Scrivo articoli dedicati al mondo della scrittura online, faccio formazione ad aziende e liberi professionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
Leggi articolo precedente:
Nome del blog
Come scegliere il nome ideale per il tuo blog

Come scegliere il nome di un blog: ecco il tema che ti impedisce di iniziare a scrivere, e che frena...

Chiudi