Come pubblicare gli Instant Articles su Facebook

Qualche settimana fa ricevo un messaggio su Whatsapp da una persona a cui tengo molto. Gloria Vanni, giornalista e blogger, è sempre solare e diretta: “Ciao Diego! Sei riuscito a pubblicare gli Instant Articles? Volevo attivarli anche per la pagina Facebook di Lessissexy“.

Esito un po’ sulla tastiera, non voglio deluderla. “A dire il vero ci sto provando“. Da quel momento ho provato, sul serio, a pubblicare su Facebook i miei primi Instant Articles. In questo post condivido con te procedure e difficoltà che ho incontrato.

Come pubblicare gli Instant Articles su Facebook

Ogni novità su Internet ha i suoi tempi di applicazione e verifica. Il web corre veloce, come sai. Testare una nuova funzionalità significa perdere tempo a rincorrere i primi bug e affrontare i ripensamenti del programmatore.

Instant Articles di Facebook non fa eccezione. Ho affrontato oltre due settimane di tentativi per riuscire a pubblicare il primo articolo. E ora? Per prima cosa voglio condividere con te i passaggi necessari, e confrontarmi con chi sta provando questa nuova modalità di pubblicazione.

Cosa sono gli Instant Articles?

Prima di tutto, cosa sono gli Instant Articles di Facebook? Sono pagine progettate per risolvere un problema specifico: la lentezza di caricamento dei contenuti sui dispositivi mobili.

Un Instant Article è un documento in HTML5 progettato per essere il più veloce possibile su uno smartphone, anche in caso di connessione lenta a Internet.

Gli Instant Articles sono articoli interattivi e dinamici pubblicati sui server di Facebook dagli editori, e che si caricano in un lampo, all’interno del social network.

Introducing Instant Articles from Facebook on Vimeo.

Come creare gli Instant Articles da WordPress

Questo sito è gestito con WordPress. Una scelta saggia per chi vuole fare blogging. Anche per una piccola software house come MarkCom.

Uno dei vantaggi di WordPress è la grande quantità di plugins che soddisfa gran parte delle esigenze. Infatti, anche per gli Instant Articles esistono vari plugin. Quello che ho provato e che sto utilizzando si chiama Facebook Instant Articles & Google AMP Pages by PageFrog.

Il plugin, una volta installato, offre la possibilità di abilitare articoli e pagine del sito alla pubblicazione come Instant Articles e come Google AMP pages (di cui parlerò nei prossimi post).

Installare il plugin Page Frog

L’installazione di Page Frog è semplice. Una volta attivato, appare nella barra di amministrazione la voce di menu “Mobile Formats” che consente di attivare e personalizzare le modalità di pubblicazione per gli Instant Articles e per Google AMP.

mobile-formats

  • Setup: da questa voce di menu accedi al punto 5 del Setup per copiare l’URL del feed da incollare su Facebook (di questo scriverò più avanti nel post). Il pulsante di “Request Access”, al punto 1, non funziona (porta a una pagina inesistente su Facebook). Per ottenere l’autorizzazione, vai al paragrafo seguente.
  • Styling: da questa voce di menu accedi alle opzioni di personalizzazione grafica delle Google AMP pages e degli Instant Articles
  • Analytics: qui puoi abilitare le statistiche di Google Analytics, eseguendo il login e scegliendo il sito che vuoi monitorare.
  • Ads: in questa sezione puoi inserire il tuo “Audience Network Placement ID” per abilitare la pubblicità nei tuoi Instant Article. Per approfondire l’argomento puoi consulare la pagina “Inserzioni e dati statistici per Articoli interattivi” su Facebook.
  • Settings: da questa voce di menu puoi abilitare le opzioni per la pubblicazione. Puoi attivare, ad esempio, l’impostazione di default su tutti i nuovi articoli in modo che siano già pronti per la pubblicazione come Instant Articles.
  • Contact & Help: contiene i riferimenti per l’assistenza.

Delle altre funzionalità, che riguardano Google AMP e Apple News Format, te ne parlerò nei prossimi post. Per quanto riguarda gli Instant Articles, l’attivazione del servizio richiede l’autorizzazione a pubblicare da parte di Facebook. Ti spiego come fare.

Come ottenere l’autorizzazione a pubblicare Instant Articles su Facebook

Per prima cosa devi abilitare il tuo account Facebook alla pubblicazione degli Instant Articles. Sì perché Facebook vuole che sia l’editore (il publisher) a farne richiesta. Ti sconsiglio di richiedere l’attivazione dal link nel menu Setup del plugin di Pagefrog: dà pagina non trovata!

Vai piuttosto all’indirizzo ufficiale dei Facebook Instant Articles e registrati.

IA-FacebookSignUp

Una volta eseguito il login con il tuo account Facebook appare una schermata dove puoi scegliere quale pagina abilitare all’utilizzo dei tools (strumenti) per gli Instant Articles.

IA_AccessInstantArticlesTools

Una volta ottenuta l’attivazione, sei in grado di procedere alla configurazione. Ecco qui sotto tutti i passaggi che devi compiere.

Come configurare gli strumenti di pubblicazione

Ora che sei abilitato alla pubblicazione degli Instant Articles, puoi configurare gli “Strumenti di pubblicazione”. Vai sulla tua pagina Facebook e accedi al menu.  La sezione che ti interessa è quella degli “Articoli Interattivi“.

IA_StrumentiPubblicazione

Da dove iniziare la configurazione? Ti consiglio di impostare le opzioni della sezione “Strumenti“. L'”Initial Setup” in alto è fuorviante e mi ha causato una perdita di tempo nel capire la logica complessiva.

IA_Configurazione

Ecco gli step operativi. Come anticipato, ho pagato la mia superficialità nel non leggere con attenzione tutti i passaggi. Anche se non ho trovato una fluidità negli step che questo tipo di strumento meriterebbe.

1. Rivendica il tuo URL (Claim your URL)

Facebook vuole accertarsi che tu sia il proprietario del dominio del sito da cui arriveranno gli articoli dal feed RSS. Inserisci il codice meta che trovi all’interno della finestra evidenziata in nero. Copialo e inseriscilo nella sezione <head> del sito (in questo caso potrebbe essere necessaria l’installazione di un plugin oppure l’assistenza del tuo webmaster).

IA-ClaimYourUrl

TIP – Se il tuo tema non consente l’inserimento del codice nell’header (intestazione) puoi utilizzare il plugin Insert Headers and Footers. Una volta installato lo trovi nella sezione “Impostazioni“. Inserisci il meta nella sezione “Scripts in Header”. 

2. Configura il feed RSS

Il secondo passo è comunicare a Facebook il feed RSS degli articoli che vuoi importare nelle bozze di produzione dei Facebook Instant Articles. Come ottenere l’URL dell’RSS? Lo trovi al punto 5 nel menu Setup in Mobile Formats (l’ho commentato più sopra). Copia l’url e incollalo nel production RSS Feed.

Definizione di feed – Il web feed, o feed, in italiano flusso, è un’unità di informazioni formattata secondo specifiche (di genesi XML) stabilite precedentemente. Ciò per rendere interpretabile e interscambiabile il contenuto fra le diverse applicazioni o piattaforme. Il più comune è ora Atom; il primo è stato RSS. Fonte Wikipedia.

RSS Feed URL Instant Articles

FASE 1: Ottieni l’RSS Feed URL nel menu Setup di Page Frog (Mobile Formats)

Production Feed Instant Articles

FASE 2: Incolla l’URL nella voce Production Feed nella configurazione degli Strumenti di Pubblicazione > Instant Articles

3. Definisci gli stili

Prima di procedere alla pubblicazione degli articoli, accertati di aver caricato il Logo del tuo blog e aver impostato un colore di contrasto nella sezione Accent Color per evidenziare il pulsante “Mi piace” a destra del logo.

IA_StileELogo

Dimensioni del logo: sono 690px di larghezza per 132px di altezza. Con il pulsante di “Resize Logo” puoi decidere l’ingombro ottimale dell’immagine rispetto al testo sottostante.

IA_LogoMarkCom

Puoi creare un modello di stile con cui personalizzare gli Instant Articles. Questo non influenzerà l’aspetto grafico degli articoli del tuo blog. Quello che viene importato è una copia dei post che rappresentati in modo diverso da un’altra applicazione residente sui server di Facebook. Io ho modificato lo stile standard (default).

Inserzioni e dati statistici per Articoli interattivi

Qui sopra trovi indicazioni per procedere a una prima configurazione. Ho tralasciato le opzioni che riguardano l’Audience Network e la misurazione statistica in quanto non funzionali alla pubblicazione degli articoli. Per approfondire l’argomento puoi consultare la sezione “Inserzioni e dati statistici per Articoli interattivi” su Facebook.

Come pubblicare gli Instant Articles

La pubblicazione degli Instant Articles può avvenire in due modalità: manuale o automatica (tramite RSS). In tutti i casi devi rispettare una serie di requisiti prima di poter visualizzare il tuo primo Articolo Istantaneo.

Facebook ti mette a disposizione una checklist per verificare tutti i passaggi necessari per la pubblicazione.

Checklist di pubblicazione degli Instant Articles

  • devi aver creato almeno 10 articoli per l’analisi;
  • gli articoli sono conformi alle normative del programma Articoli interattivi;
  • gli articoli sono stati implementati secondo la documentazione tecnica sugli Articoli interattivi e le linee guida per la progettazione e tutte le funzioni sono usate in modo corretto;
  • devi aver configurato almeno un modello per lo stile degli articoli tramite lo Style Editor. Il modello di stile deve includere un logo e i caratteri che usi. Se intendi usare più modelli di stile, è necessario che gli articoli inviati per l’analisi mostrino un esempio di ciascun modello. Fonte: Facebook

Creazione degli articoli tramite l’RSS feed

La modalità che ho utilizzato per creare gli Instant Articles è, come ho scritto prima, quella automatica dell‘RSS Feed fornito dal plugin Page Frog.  Non ho ancora ben chiari i tempi di aggiornamento degli articoli che appaiono nel feed. Pur avendo abilitato tutti i post, mi risultano in produzione solo alcuni.

Gli errori nel codice che impediscono la pubblicazione

Durante queste due settimane il tempo di attesa più lungo è stato causato dalla mancanza del numero minimo di articoli da sottoporre alla revisione di Facebook. Poi ci sono stai i tempi morti causati dalla verifica sulla conformità degli articoli da parte di Facebook.

IA-pendingReview

Infatti, ogni volta che Facebook ha trovato un errore nel codice degli articoli, oppure ha riscontrato un’anomalia nello stile, la procedura di pubblicazione si è fermata. Fino a che le condizioni non sono state rispettate tutto si è bloccato. Poi la procedura di verifica (Review) è ripresa con tempi di attesa stimabili dai 2 ai 5 giorni.

Ti segnalo gli errori che ho registrato durante la pubblicazione. Per quanto il plugin di Page Frog faccia il suo lavoro, il tema del blog può determinare l’utilizzo di tag HTML incompatibili con le regole degli Instant Articles, causando errori o visualizzazione non desiderata di codice html.

  • UL – Facebook mi ha segnalato di non utilizzare elementi HTML all’interno dei punti elenco (come lo <span> e lo <strong>);
  • H3 – La verifica non mi ha accettato gli H3 segnalando che sono consentiti solo gli H1 e gli H2.
  • GIF animate -Vengono interpretate come video troppo piccoli
  • Tag di formattazione del testo – È apparso del codice html proveniente da un plugin di formattazione del testo (vedi il prossimo paragrafo).
QUESTIONE TEMPO – Segnalo che le modifiche necessarie a rendere conforme il codice degli Articoli in Produzione può portare via molto tempo. Ho corretto manualmente tutti gli errori, modificando gli Instant Articles. Gli articoli sono molti e l’incompatibilità del codice sono eccessive? Valuta la convenienza nell’adottare questa funzionalità.

Linee di codice che possono apparire negli Instant Articles

Ti segnalo un esempio di incompatibilità con altri plugin che genera visualizzazioni di codice html in chiaro. Il codice generato dal plugin  WP Canvas – Shortcodes, che utilizziamo per inserire blocchi colorati di testo e per altre formattazioni avanzate del testo, genera un codice che appare in chiaro nell’Instant Article.

IA_TagErrati

Per eliminare il codice html dall’articolo sono entrato in modifica e ho cancellato le linee superflue. Occorre sempre verificare l’anteprima degli IA prima di metterli in stato “Pubblico“. Per farlo devi accedere all’app “Gestore delle Pagine” che spiego nel prossimo paragrafo.

Come abilitare la messa in stato “Pubblico” degli Instant Articles

Quando il numero degli articoli è arrivato a dieci, e la procedura di revisione degli Instant Articles si conclude in modo positivo, si abilita la voce “Pubblica” nelle azioni disponibili nella sezione “Produzione”. A quel punto gli Instant Articles possono essere  pubblicati.

IA_Lista Articoli

Nel momento stesso in cui ho pubblicatoi miei Instant Articles, i post a cui fanno riferimento e che ho condiviso su Facebook si trasformano in Instant Articles. Lo verifico dal fatto che appare, in alto a destra dell’immagine, il simbolo del lampo.

ATTENZIONE! L’effetto della pubblicazione degli Instant Articles è immediato. Se disabilito la diretta e metto in “Unpublish” gli articoli, il simbolo del lampo scompare.

Come visualizzare gli Instant Articles

Posso visualizzare gli Instant Articles di Facebook solo da mobile. Dall’app mobile “Gestore delle Pagine” (Itunes e Android) posso verificare la lista degli articoli interattivi e l’anteprima per verificare la corretta visualizzazione e gli stili. Accedi al menu dell’App in alto a destra e poi vai alla sezione Articoli interattivi.

ATTENZIONE – La produzione degli Instant Articles e la loro messa in stato “Pubblico” non comporta la pubblicazione di un post su Facebook. Bensì riguarda i post che hai già pubblicato e che corrispondono agli Instant Articles messi in stato “Pubblico”.

IA-GestorePagine_Condividi

 

Una volta che ho messo “In diretta” gli Instant Articles, i post sul mio account di Facebook che avevo già condiviso dal mio blog, hanno  in alto a sinistra del post il simbolo del lampo. Il mio Instant Article è attivo.

IA-Condivid_Post_Facefook

Cosa verificare se il simbolo “lampo” non è attivo

Se la condivisione avviene da un’altra fonte esterna al proprio sito, come plus.google.com, la modalità dell’Instant Article non si attiva. Nell’esempio qui sotto ecco le differenze. L’articolo condiviso dal blog markcom.it appare con il simbolo del lampo. Quello condiviso da plus.google.com no.

IA-Differenze-condivisione

In pratica se Facebook non rileva la corrispondenza dell’URL del sito web, non attiva la visualizzazione dell’Instant Article, che verrà distribuito in modalità standard.

Come condividere gli Instant Articles

Le possibilità di condivisione dell’Instant Article sono uguali a un post standard. Posso condividere l’articolo sul mio account Facebook, su Twitter e su Pinterest. Oppure copiare il link, salvarlo o aprirlo nel browser.

IA-CondividiPost

Gli Instant Articles che ho attivato si caricano all’istante, non c’è che dire. Nelle versioni desktop vedrò la rappresentazione classica dell’articolo.

Come creare gli IA con il plugin Instant Articles for WP

Sto provando anche un altro plugin per generare gli Instant Articles: è IA for WP. Le recensioni non sono ottime, ad oggi. In realtà volevo trovare un modo più semplice per generare il feed RSS, e in effetti il plugin si limita a fare proprio questo.

IA-InstantArticles-WP

Dopo la fase di installazione il plugin genera il feed degli articoli interattivi. L’URL deve essere incollato nelle sezioni apposite della configurazione degli articoli interattivi su Facebook.

Le differenze con PageFrog

PageFrog è più completo e integra, in un unico plugin, la pubblicazione degli Instant Articles e le Google AMP Pages. La fase di attivazione è diversa e prevede la creazione di un Application ID. Per il resto la configurazione è semplice.

IA-InstantArticles-WP-configurazione

Per ora li sto provando tutti e due, e ho inserito l’RSS Feed Url di Instant Articles for WP nell’URL di Sviluppo (Development RSS Feed) per vedere le differenze. In effetti gli articoli non corrispondono tra i due feed.


Aggiornamento di Sabato 21 Maggio 2016

Oggi sono riuscito, come promesso a Gloria Vanni, a pubblicare su Facebook il primo Instant Article di Lessissexy.com. È stato più difficile rispetto agli articoli di MarkCom, per l’incompatibilità del tema con la piattaforma che ha causato molti errori nel codice.

Con Gloria abbiamo deciso di pubblicare un articolo, dopo averlo corretto a mano per togliere i difetti di formattazione del testo. Gli altri rimarranno lì, in attesa di decisioni future.


Instant Articles su Facebook. Le mie conclusioni

In questo post ti ho raccontato come sono riuscito a pubblicare gli Instant Articles sulla pagina aziendale di Facebook. La procedura di pubblicazione è durata due settimane. Poi sono passate altre due settimane per riuscire ad abilitare un’altra pagina.

Come ho già anticipato nella guida, occorre tempo e competenze per pubblicare gi Instant Articles. Se il codice del tuo blog è compatibile, l’attivazione è più rapida. In ogni caso devi controllare e intervenire sul codice HTML per correggere e migliorare l’aspetto degli articoli.

Ma è dopo aver analizzato le prime statistiche che ho deciso di disattivare gli Instant Articles. Perché? Le poche visite ricevute sono rimaste su Facebook, non sono arrivate sul mio blog. I dati sono scarni e consultabili in una sezione diversa dagli Insight. L’impressione è che Facebook ha ancora tanto lavoro da fare per migliorarli.

Instant-Articles-Insight

Credo che questa nuova funzionalità deve crescere e migliorare sotto tanti profili. Come accade spesso sul web, le novità richiedono tempo per riuscire a imporsi. Ma se alla base mancano di senso pratico e di utilità, non vanno lontano.

Peraltro, non ho intenzione di utilizzare gli Instant Articles per guadagnare, e le funzionalità interattive legate al video e alle immagini non mi interessano, al momento. Per cui rimango in attesa, da spettatore curioso, di quello che succederà. Posso riprendere a pubblicare in ogni momento, nel caso.

Intanto sto testando le Google AMP pages. Non si finisce mai di imparare sul web. E le fasi di test sono importanti per riuscire a dare risposte a chi me le chiede, clienti e collaboratori. Come è importante condividere le proprie esperienze, per confrontarsi e scegliere la soluzione migliore.

A questo proposito voglio ringraziare Silvia Camnasio per le sue segnalazioni che hanno contribuito a correggere questa guida. Anche Silvia ha pubblicato sul suo profilo Facebook il primo Instant Article e mi ha chiesto cosa ne pensavo. Spero di confrontarmi ancora con lei in merito.

Ora mi interessa il tuo parere. Hai già provato gli Instant Articles di Facebook? Cosa ne pensi? Ci sono motivi per cui vale la pena di tenerli attivi e continuare a investire del tempo per studiarli meglio?

Lasciami la tua opinione nei commenti. Grazie!

Share

Diego Ricci

Innamorato di Internet, dal '97 mi occupo di servizi web per piccole e micro imprese. Ascolto e analizzo le esigenze dei Clienti e propongo soluzioni. Amo la buona compagnia, lo stare insieme e le cose semplici come una birra al pub.

Comments

  1. Grazie, Diego per la citazione e soprattutto per l’immenso lavoro che hai fatto.

    Essere un pioniere nella comunicazione non è da tutti e tu lo sei!

    Spero davvero che questa tua esperienza possa essere aggiornata e migliorata dai contributi di chi si cimenterà nella pubblicazione di Instant Article. È solo insieme, infatti, che possiamo contribuire alla conoscenza comune e, possibilmente, migliorarla!

    • Grazie Gloria!

      Condivido in pieno: “È solo insieme, infatti, che possiamo contribuire alla conoscenza comune e, possibilmente, migliorarla!”.

      Grazie a te per l’aiuto che mi stai dando, per le verifiche e i consigli preziosi. A presto!

  2. Diego, complimenti! Lavoro accurato e ben fatto. Vedo manuali, help on line, video pillole ecc. per applicazioni web ogni giorno e il livello, ti assicuro, non è sempre così alto! Davvero utile per chi usa WordPress, condivido. Grazie

  3. Buongiorno, ho letto l’articolo che trovo molto esauriente e completo, io pubblico “instant articles” o articoli interattivi da circa 10 giorni, dopo un rifiuto, a causa di un errore di codice in uno dei miei articoli che mi è “costato” sette giorni di attesa.
    fatto ciò ho creato un gruppo facebook proprio riguardante questa nuovissima possibilità di pubblicare (il gruppo un po’ banalmente si chiama “instant articles articoli interattivi Italia”, e al momento contiene alcuni tutorial). In questo gruppo sto pian piano invitando blogger e giornalisti, che però sono un po’ restii a fare tanta fatica, principalmente perché di fatto gli annunci sui loro blog/siti non vengono visualizzati e non monetizzano. Io però sono riuscito anche a superare anche questo problema, infatti monetizzo tramite Facebook, e ho ovviamente realizzato un articolo tutorial per spiegare come farlo. Non so esattamente quanti blog pubblicano tramite questa funzione attualmente, potremmo anche essere solo in due 🙂 perciò come detto in uno dei commenti all’articolo, dato che l’unione fa la forza… invito chiunque volesse iscriversi al gruppo, dove potranno ovviamente pubblicare i propri articoli, a patto naturalmente, che siano in formato “instant”.
    Grazie dell’attenzione,Gianluca.

    • Grazie Gianluca per il tuo contributo!
      Sto riscontrando gli stessi problemi di codice su un altro blog. Per ora sto testando questa modalità di pubblicazione senza occuparmi degli aspetti legati al possibile guadagno. Sono ancora indeciso se utilizzarli o meno. In ogni caso leggerò i tuoi tutorial per scambiare esperienze e confrontarmi. Grazie ancora!

  4. Caro Diego. In effetti la quantità di tempo e lavoro necessario alla pubblicazione non sono giustificati poi da un riscontro altrettanto grande. Ad esempio pensavo che pubblicato su una pagina avrebbe avuto una espansioni maggiore, visto che non facendo uscire l’ utente da Facebook ed utilizzando il loro metodo di pubblicazione ci sarebbe stata una maggiore differenza. Invece niente. Inoltre come hai giustamente notato gli utenti non arrivano sul blog.
    Altra considerazione. ..non è possibile pubblicare le affiliazioni Amazon! Insomma il gioco non vale la candela!
    Ma se tu non avessi fatto tutto questo lavoro noi staremmo qui a parlare del nulla. Per cui ancora grazie.
    Circa gli AMP ho già molte pagine del blog pubblicate ma non ho dati che mi dicano se c’è stato aumento di traffico da mobile. Li valuterò però. Grazie ancora per la citazione! Buona giornata!

    • Cara Silvia, grazie per il tuo prezioso contributo. Lo strumento è appena nato e ha le sue magagne. Credo che l’aspetto più negativo sia di non veicolare le visite sul blog, che rimane la mia casa. Vediamo cosa succede con le AMP pages. Forse andrà meglio. Continuiamo a scambiarci test e verifiche Silvia, mi farebbe molto piacere. Buona Domenica!

  5. Buonasera Diego, grazie per la tua guida dettagliata, il dubbio riguardo al fatto che le visite non possano arrivare sul proprio sito l ho sempre avuto, la conferma mi è stata data in questo articolo, diciamo che oltre ad avere contenuti più veloci, questo sistema danneggia e non poco coloro che vogliano “guadagnare” qualche quattrino dal proprio sito/blog. Perchè questa politica?
    GRAZIE per il lavoro fatto.

    • Buongiorno Giuseppe, grazie per il tuo contributo. Credo che gli Instant Articles sia un ottimo strumento per grandi editori (testate giornalistiche in primis) che godono già di notorietà e di un grande pubblico. Un piccolo editore che pubblica articoli di nicchia ha la necessità di portare traffico al proprio blog. Poco importa, credo, se si debba attendere qualche secondo per il caricamento della pagina. Grazie ancora per il tuo commento.

  6. Si possono pubblicare articoli direttamente da Facebook senza avere un sito?

    • Ciao Andrea! Sì lo puoi fare. Se vai nella sezione della tua pagina Facebook “Strumenti di pubblicazione” e poi vai nella sezione “Articoli interattivi > Articoli in produzione” vedrai in alto a destra il pulsante blu “Crea”. Poi devi incollare il codice giusto. Per la guida al linguaggio degli Instant Articles (con esempi) ti rimando alla guida ufficiale di Facebook all’indirizzo: https://developers.facebook.com/docs/instant-articles/guides/articlecreate. I requisiti sono quelli di possedere una pagina Facebook ed essere un amministratore della stessa. Ciao e buona serata!

  7. Caro Diego a qualche mese di distanza dalla pubblicazione di questa guida, e a fronte di qualche nuova considerazione, ho dovuto ricredermi sulla negatività della funzione instant article.
    E ti spiego il perché. Perché tutto dipende dalla strategia che devi portare avanti!
    Certo ti toglie visite dal sito, ma se le visite hanno una provenienza del 80% dai motori di ricerca, saranno quelle X persone che danneggeranno qualcosa, oppure quelle persone saranno state attratte dal tuo articolo perché l’hanno letto in un lampo dal loro iphone?
    Oggi ho pubblicato un post sulla mia pagina fb con molti link ad Amazon, il mio intento futuro è proprio quello di incrementare i profitti derivanti da questa fonte.
    Sto verificando se si legge tutto regolarmente e sembra che sia così.
    Quindi a dire il vero, poco mi importa che gli utenti non arrivino sul mio sito, se comunque fanno ciò che devono fare ed anzi riescono a farlo, con maggior velocità.
    Quindi, a prescindere dalla difficoltà e tempo impiegato per installare il tutto, direi che, ad oggi, io ho trovato la cosa molto utile.
    Quindi devo ringraziarti ancora a distanza di tempo… ciao e grazie!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
Leggi articolo precedente:
Usa il blog per condividere le informazioni in azienda

Atc Service è un nostro partner di Pavia che offre soluzioni informatiche alle imprese. Ogni settimana partecipo, in qualità di...

Chiudi