Come fidelizzare il lettore del tuo blog in 5 mosse

Vuoi promuovere la tua attività sul web? Ci sono dei passi che devi seguire. Innanzitutto hai bisogno di un piano di web marketing e di strumenti giusti. Il blog è il posto ideale per fidelizzare il lettore. In questo post trovi qualche consiglio utile per raggiungere questo obiettivo.

Come fidelizzare il lettore

Photo credit: Jorge Zapata

Hai definito il profilo del tuo potenziale cliente. Conosci le esigenze del tuo lettore e i suoi interessi. Questo è un ottimo inizio. Ora devi scrivere articoli che attirino la sua attenzione e lo stimolino a tornare sulla home page del tuo blog. Semplice? No, per nulla. Procedi un passo alla volta.

Scegli gli argomenti giusti per il tuo blog

Ricevere un modulo di contatto o una richiesta di preventivo dal proprio sito web: ecco il frutto di un lavoro pianificato e organizzato. Questo risultato si ottiene creando una relazione stabile con il lettore, ed è possibile attraverso il blog.

Un blog dà completezza al sito web e consente di arricchire l’offerta di contenuti a supporto dei prodotti e dei servizi che offri. Devi attirare l’attenzione del lettore e convincerlo a ritornare spesso per approfondire gli argomenti.

Quali temi scegliere per il blog? Come ti ho raccontato nei post precedenti, gli argomenti più letti sono quelli unici, originali e utili. Condivido con te la mia lista di fonti d’ispirazione per i miei articoli.

  • Racconto la passione per il mio lavoro
    La fonte principale del blog sono io. Nulla può essere più originale della mia esperienza. Questo vale anche e soprattutto per i miei collaboratori e i miei partner. Nei post precedenti ho citato argomenti come le case history o le interviste.
  • Domande frequenti
    Trovo spunti utili per i titoli dei post dalle domande frequenti che arrivano all’assistenza clienti. Come, ad esempio, la richiesta di spiegazioni su come configurare la posta elettronica o gli orari migliori per pubblicare sui social network.
  • Eventi e novità
    Scrivo un post che riassume i punti fondamentali di un evento a cui ho partecipato, come quello sul Social Customer Service. Oppure riassumo quello che penso riguardo a un cambiamento nel web.
  • Suggerimenti dalla concorrenza
    Cosa fanno i miei concorrenti? In che cosa posso migliorare il contenuto di un argomento? L’ispirazione mi arriva dalla lettura di un bel post che condivido volentieri su un tema che reputo interessante.
  • Suggerimenti dai motori di ricerca
    I motori di ricerca come Google sono una fonte inesauribile di spunti. Posso cercare con Google le ricerche correlate a un determinato argomento. Capire cosa cercano le persone mi può aiutare a definire l’articolo.
  • Suggerimenti dai Social Network e dai Gruppi
    Le conversazioni sui social network, specie quelle all’interno dei Gruppi su LinkedIn, sono fonte di ispirazione. Le risposte nei commenti o le domande poste dai lettori sono dei potenziali titoli per un post.

Dai continuità e coerenza al tuo blog

Variare i contenuti stimola l’attenzione e rende il blog più interessante. Partiamo dalla premessa principale: devo dare continuità alla produzione dei contenuti. Se non c’è costanza, la relazione è subito a rischio. Come faccio a creare una continuità nella produzione dei contenuti? Devo farlo attraverso il piano editoriale.

  • Il piano editoriale del blog è la mia linea guida. Mi consente, una volta disegnato, di programmare i miei post. Scelgo con attenzione la frequenza di pubblicazione. Non voglio cadere nell’errore di lasciare dei periodi di inattività sul sito.
  • Il piano editoriale mi consente di creare un’alternanza di argomenti.
  • Il piano editoriale mi serve per coinvolgere più persone, collaboratori e partner nella produzione dei contenuti. È utile l’apporto di più persone, ognuna esperto in ogni argomento, per suddividere il carico di lavoro.

Altro aspetto è la frequenza di pubblicazione che deve basarsi sulle mie disponibilità. È inutile programmare una frequenza alta e poi non rispettarla. Io ho scelto di pubblicare una volta a settimana, salvo i periodi di festa e di pausa per la manutenzione dei vecchi post.

Cura la qualità costante dei post

Come un buon vino, il blog deve mantenere una qualità costante nel tempo. Il lettore che mi assaggia una volta si incuriosisce. Ma se torna ogni volta che pubblico un articolo ho creato una relazione.

Per questo punto sui professionisti. Mi affido a un consulente per la revisione degli articoli e per formarmi sulla stesura dei post. Lo ritengo l’investimento migliore. Scrivere per il web è diverso da ogni altra attività. Ha le sue regole e i suoi ritmi.

Aggiorna i post migliori

Un altro modo per fidelizzare il lettore è quello di garantire l’aggiornamento dei post. Incomincio da quelli che hanno il miglior posizionamento nei motori di ricerca. Questa attività inizia con l’analisi. Grazie alle statistiche e agli strumenti di monitoraggio del ranking in base alle parole chiave, riesco a definire una lista delle pagine più rilevanti per i motori di ricerca.

Sono queste le risorse del blog che meritano la mia attenzione: devo investire tempo per migliorarle e aggiungere le novità. Come ho fatto con la pagina dedicata ai migliori orari per pubblicare sui social network, dove ho inserito una nuova funzionalità di Buffer.

Condividi i tuoi post

L’utilizzo dei social network è fondamentale  per portare visite con continuità sul blog. Le condivisioni mi consentono di comunicare ai miei follower la pubblicazione di nuovi post e stimolarli a leggermi di nuovo. Studio e utilizzo titoli efficaci, cerco immagini coinvolgenti.

La condivisione degli articoli può avvenire anche con la newsletter. Ogni martedì, il giorno dopo la pubblicazione, invio un’email a tutti gli iscritti per ricordare il nuovo post. Ma posso utilizzare questo strumento anche per promuovere raccolte di articoli.

Fidelizzare il lettore: la tua opinione

Aumentare le visite, attirare l’attenzione e coinvolgere il visitatore del mio sito. Tutti questi sono obiettivi da raggiungere per promuovere la mia attività online, ma quello più faticoso è riuscire a fidelizzare il lettore. Creare una relazione che lo induca a leggermi, con costanza.

Per ottenere questo risultato devo dare continuità alla produzione dei contenuti e devo mantenere una qualità costante. Devo utilizzare i social network per promuovere i miei post e stimolare le visite dei miei lettori.

Ora mi interessa la tua opinione. Cosa ti convince a ritornare su un blog per leggere nuovi articoli? Cosa apprezzi di più nell’autore? Preferisci leggere articoli di utilità o di ispirazione?

Lasciami la tua opinione nei commenti.

Share

Diego Ricci

Innamorato di Internet, dal '97 mi occupo di servizi web per piccole e micro imprese. Ascolto e analizzo le esigenze dei Clienti e propongo soluzioni. Amo la buona compagnia, lo stare insieme e le cose semplici come una birra al pub.

Comments

  1. Credo sia davvero difficile aggiungere altro 🙂

    Ecco, una bella idea – che penso di sperimentare in questi giorni – potrebbe essere quella di creare post “collettivo”.

    Mi spiego meglio: si potrebbe provare a lanciare molto brevemente una domanda, una piccola “polemica”, etc., per poi rivolgersi a lettori: “voi che ne pensate?

    Il “vero” corpo dell’articolo a quel punto sarebbero proprio in commenti – eventualmente da rielaborare e mettere insieme in un post di “follow up” 🙂

    • Ciao Andrea,

      perdonami il ritardo nella risposta. La tua è una bellissima idea e forse hai già il nome “follow up”! È proprio vero: il post si completa con i commenti, come il tuo. Grazie e alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
Leggi articolo precedente:
Le tassonomie del blog: a cosa servono?

Il tuo lavoro verso la creazione di un blog efficace è appena iniziato. In uno degli ultimi articoli ho definito...

Chiudi