Marco, artigiano. Un amore e una passione da condividere

Mi siedo al Bar e aspetto Marco. Puntualissimo mi saluta e si siede. Ordiniamo un’insalata e una caprese.

In attesa del servizio, iniziamo a parlare della sua attività.

Una piccola impresa familiare, artigiani da una vita. Prodotti fatti con cura e amore realizzati nel laboratorio di una volta ma con macchine moderne. Investimenti importanti voluti da lui, per dare un futuro all’Azienda fondata da suo nonno.

artigiano

Bella storia. Come tante.

Uomo pratico, Marco. Mi chiede subito dopo cosa possiamo fare per dare visibilità alla sua Azienda.

Parto con una prima domanda diretta: “Cosa fate per promuovervi?“.

“Lavoriamo grazie al passa parola ma non basta ormai. Nella nostra zona il mercato è fermo. Dobbiamo uscire dal nostro guscio. Farci conoscere anche al di fuori della nostra realtà locale”

Avete un sito?” – Chiedo incuriosito.

Sì, ma è fermo al 2006, ce lo aveva fatto un nostro amico” – Mi risponde Marco, quasi imbarazzato.

Posso vederlo? Mi dai l’indirizzo?” – Lo incalzo subito.

Lo visito subito con il mio smartphone. Illeggibile e impressione negativa. In alto a sinistra, zoomando con le dita, galleggia un logo improponibile e il tutto trasmette una sensazione di vecchio e obsoleto.

In azienda chi si occupa del commerciale? Chi manda comunicazione o si occupa di acquisire Clienti?

Io e mia sorella. Mio padre segue la supervisione dei lavori.

Anche io, senza tanti giri di parole, gli dipingo uno scenario: “Oggi è importante riuscire a comunicare la propria passione condividendo le proprie competenze, i propri valori, i lavori eseguiti, sfruttando la possibilità offerta dai nuovi Media, i Social Network, dove si può costruire, con pazienza e costanza, una presenza credibile che continui, in rete, quel “passa parola” che è stata la fortuna di tante aziende.

Lo vedo perplesso, soprattutto riguardo ai Social, e mi suggerisce: “Ma non possiamo rifare il sito?“.

Gli rispondo in modo categorico: “No, Marco. Non possiamo. Dobbiamo andare a monte.

Mi guarda deluso ma io incalzo: “Con questa immagine, con il tuo logo posso fare ben poco. Non riuscirei a dare giustizia al tuo lavoro. Ho bisogno di incorniciare un logo che deve racchiudere i tuoi valori e i tuoi plus. Anche le foto sono scadenti, non fanno percepire il valore dei tuoi prodotti“.

Gli propongo un percorso:

1) Studio di un nuovo Logo che renda giustizia alla tradizione e alla innovazione. Logo che dovrà essere leggibile nei vari formati, compresi quelli imposti dai profili Social Network.

2) Dalla definizione del Logo e della palette di colori passiamo al confezionamento di un sito nuovo, adattabile a tutti i dispositivi, smartphone, tablet.

3) Un servizio fotografico professionale che fotografi lui, la sua famiglia, i luoghi di lavoro, i prodotti, i particolari, immortali la precisione e la passione.

4) Una serie di incontri presso i suoi Uffici, nel suo ambiente naturale di lavoro, dove verificare il percorso della concorrenza, i loro profili social, la loro comunicazione.

5) L’attivazione di tutti i profili Social necessari. Ma con lui a fianco. Con lui alla tastiera.

6) Creazione di un piano editoriale che comprenda: notizie, casi di studio, prodotti, servizi, informazioni, istruzioni d’uso. Un piano fattibile con impegni da segnarsi in agenda. Impegni sostenibili.

7) Creazione di un database di marketing per comunicare, con l’invio di email periodiche, notizie e informazioni.

Ora mangiamo, è arrivato il nostro pranzo e Marco mi invita a proseguire il discorso da lui in ufficio, dopo mangiato.

Ora tocca a te!

  • Ti è piaciuta la chiaccherata? Cosa mi avresti risposto al posto di Marco?
  • Nella tua Azienda, cosa fai per promuovere i tuoi prodotti?
  • Quali strategie intendi adottare per sfruttare le potenzialità della rete?

Lascia la tua opinione nei commenti!

Share

Diego Ricci

Innamorato di Internet, dal '97 mi occupo di servizi web per piccole e micro imprese. Ascolto e analizzo le esigenze dei Clienti e propongo soluzioni. Amo la buona compagnia, lo stare insieme e le cose semplici come una birra al pub.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares